Articoli

Cos’è la localizzazione? Conquistare i mercati esteri con le parole giuste

Per un’azienda che intende aprire una propria linea di mercato all’estero, una delle attività più sensibili da intraprendere è l’elaborazione di una strategia di comunicazione completa per il paese di destinazione. Dalla creazione del proprio sito web o di uno spazio e-commerce alle attività di marketing online e offline. Oggi infatti, le fasi di internazionalizzazione di un’impresa prevedono in primo luogo l’esportazione del brand attraverso strategie di comunicazione differenziate.

Apertura dei canali social localizzati nel paese di destinazione, campagne di advertising, sito web e portale e-commerce, comunicati stampa, eventi pubblici. Tutte queste sono iniziative importanti per comunicare i valori del proprio brand e costruire una relazione con la popolazione target. La condivisione dell’identità, la capacità di comunicare i propri valori e trasmettere emotività, sono obiettivi chiave per costruire un legame duraturo con i vari mercati nazionali.

Questi risultati possono essere raggiunti solo utilizzando la giusta comunicazione e i giusti registri linguistici.

Cos’è la localizzazione?

localizzazioneLa localizzazione è il processo di adattamento dei contenuti di un canale comunicativo esistente per un pubblico locale esterno. Se ad esempio un’azienda italiana ha l’obiettivo di vendere i suoi prodotti nel mercato tedesco, dovrà creare un sito web con i contenuti adattati alla lingua locale, aprire dei canali social in lingua o pubblicare periodicamente contenuti in lingua per il mercato tedesco. Lo stesso vale per campagne di advertising, eventi pubblici e ogni attività di marketing online e offline.

Sebbene con il termine localizzazione si faccia riferimento alla traduzione dei contenuti dalla lingua di origine a quella di destinazione, nella realtà dei fatti non è proprio così. Spesso infatti si tende a credere che traduzione e localizzazione siano sinonimi. La localizzazione, tuttavia, è un processo molto più complesso della semplice traduzione del testo. La localizzazione implica anche un adattamento generale dei contenuti, che in alcuni casi si limita alla conversione di valute, unità di misura e formati di data e ora, ma molto spesso richiede invece una profonda conoscenza della cultura del pubblico di destinazione.

Quanto conta la localizzazione per una azienda che vuole vendere nel mercato globale?

Secondo le cifre fornite dall’Internet World Stats, degli oltre 4 miliardi di utenti globali giornalieri presenti su internet, solo il 25% parla inglese, mentre  oltre la metà di tutte le ricerche di Google sono in una lingua diversa dall’inglese. Entrando nello specifico dei comportamenti degli utenti, scopriamo che l’appartenenza linguistica è a tutti gli effetti parte integrante del valore del prodotto venduto.

Secondo un’indagine della Commissione Europea (scaricabile qui), il 90% degli europei non naviga mai in una lingua diversa dalla propria. Inoltre, il 42% di essi non comprerà un prodotto se la descrizione non è nella loro lingua.

Secondo Common Sense Advisory, a livello globale, il 72% dei clienti ha maggiori probabilità di acquistare prodotti o servizi se le informazioni sono nella propria lingua, mentre il 56% dice che trovare informazioni sul marchio nella propria lingua è ancora più importante del prezzo.

La localizzazione è una cosa seria

Iniziamo partendo da un esempio al contempo comico e drammatico (per l’azienda).
coca colaIl marchio globale Coca Cola qualche mese fa ha lanciato una campagna di marketing in Nuova Zelanda. Volendo utilizzare il linguaggio maori per creare un canale identitario capace di attrarre gli utenti in lingua locale, l’azienda ha utilizzato una slogan posto in cima a tutti i distributori automatici delle bevande.

In un tentativo di combinare maori e slang inglese, lo slogan recitava “KIA ORA, MATE!”. Kia ora, in lingua maori equivale all’anglosassone “Hello” e fin qui tutto bene. Il problema sorge nella scelta di unire uno slang tipico inglese mate (amico, compagno, compare), intendendo creare un legame amichevole e colloquiale con i consumatori. In questo artificio comunicativo evidentemente è sfuggito il significato locale di mate, che non è esattamente lo stesso dell’equivalente inglese. Anzi.

In lingua Maori mate vuol dire morte, quindi la scritta che campeggiava sui distributori automatici di Coca Cola in Nuova Zelanda era “Ciao, Morte!”.

Perché affidarsi ad agenzie di traduzione per la localizzazione?

Questo esempio serve a chiarire un aspetto importante. Utilizzare registri linguistici diversi dal proprio non è una attività che può essere delegata esclusivamente ai responsabili marketing di una azienda. L’utilizzo di un determinato termine, di una frase, il senso che può avere una parola in un contesto linguistico piuttosto che in un altro, sono questioni che richiedono una elevata professionalità per essere risolti.

servizi di localizzazione

Questo tipo di professionalità possono essere offerte soltanto da linguisti professionisti in grado di adattare la lingua di partenza non solo al vocabolario, ma anche alla cultura, agli usi e ai costumi del paese di destinazione.

È pertanto buona norma affidare i servizi di localizzazione ad agenzie di traduzione professionali. La caratteristiche dei provider di servizi linguistici consolidati e strutturati, come Intrawelt, che si occupano di localizzazione è che non utilizzano dei traduttori generalisti per la fornitura del servizio.

Le agenzie di traduzione e localizzazione dispongono al loro interno di linguisti professionisti specializzati in marketing e comunicazione i quali conoscono perfettamente la lingua, gli usi e i costumi dei mercati di destinazione e sono in grado di lavorare anche in ottica SEO. Grazie a figure altamente specializzate, le società di traduzione come Intrawelt hanno la capacità di fornire, ancor prima della traduzione, un vero e proprio servizio di consulenza strategica per il marketing e la comunicazione. Dalla scelta del nome di un prodotto allo slogan da utilizzare, dalle formule linguistiche a frasi tipiche del posto, passando per la capacità di individuare contenuti non adatti o addirittura sconvenienti nel paese di destinazione, i linguisti professionisti madrelingua diventano una risorsa preziosa per il perseguimento degli obiettivi di vendita.

Volete ricevere maggiori informazioni sul nostro servizio di localizzazione? Contattateci per un preventivo gratuito!

Servizi di traduzione per il settore alimentare

Perché l’industria alimentare ha bisogno di servizi di traduzione professionale

Quando si parla di salute e cura del cittadino, sono due i settori industriali che più di tutti vengono chiamati in causa: il settore farmaceutico e quello alimentare.

L’industria alimentare, analogamente a quella farmaceutica, ricopre infatti un ruolo essenziale nello sviluppo e nel benessere della popolazione. Non a caso negli ultimi decenni il settore Food & Beverage ha subito profonde trasformazioni sia dal punto di vista delle tecnologie produttive quanto nella comunicazione alimentare.

Una nuova sensibilità nell’industria alimentare

Le abitudini alimentari dei cittadini stanno subendo profonde trasformazioni a livello globale, è un dato di fatto. L’inquinamento atmosferico, l’utilizzo di agenti chimici nell’agricoltura, uno stile di vita frenetico e più sedentario della popolazione sono solo alcuni dei fattori alla base delle trasformazioni in atto. L’insorgere di nuove malattie, il proliferare di intolleranze alimentari e disturbi psicosomatici legati al cibo suonano come un campanello d’allarme per la salute del cittadino, ma allo stesso tempo stanno contribuendo allo sviluppo di una nuova coscienza alimentare.

Non è un caso se nell’ultimo decennio l’industria alimentare ha sostenuto uno sforzo importante nella conversione della produzione verso cibi più naturali, meno processati e con una ridotta quantità di agenti chimici e additivi.

Grazie allo sviluppo delle tecnologie produttive, e alla crescente sensibilità di consumatori sempre più attenti alla qualità degli ingredienti utilizzati, il mercato Food & Beverage ha trasformato anche i suoi processi comunicativi contribuendo alla nascita di un nuovo marketing alimentare.

La nuova narrazione del Food & Beverage

traduzione tecnica

Lo storytelling alimentare, che un tempo era basato sull’esaltazione sensoriale del prodotto, oggi è molto più attento alla sua storia e alla sua vita. Non di rado, infatti, le pubblicità raccontano il ciclo di vita del prodotto, la selezione delle farine, degli ingredienti, l’assenza di additivi o di grassi, i metodi di allevamento e di coltura. Il marketing attuale è allo stesso tempo advertising e educazione alimentare, pubblicità e sostenibilità e pone al centro dell’attenzione non più la semplice esaltazione sensoriale e gustativa ma il benessere del consumatore.

I registri linguistici nella comunicazione alimentare

Il tema della comunicazione nel settore alimentare è principalmente legato alla necessità di adottare formule linguistiche in grado di attirare l’attenzione del consumatore garantendo la corretta informazione sugli ingredienti e sulla composizione dei prodotti in relazione a sostanze additive e allergeni.

Il proliferare di disturbi e intolleranze legati all’alimentazione, come ad esempio celiachia e intolleranze al lattosio, ha spinto le istituzioni sanitarie nazionali e internazionali a regolamentare le modalità di pubblicizzazione dei prodotti. In Europa, l’etichettatura alimentare è disciplinata dal Regolamento europeo 1169/2011 recepito dall’Italia con il decreto legislativo 15 dicembre 2017, n. 231 “Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori e l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del medesimo regolamento (UE) n. 1169/2011 e della direttiva 2011/91/UE, ai sensi dell’articolo 5 della legge 12 agosto 2016, n. 170 «Legge di delegazione europea 2015»”.

Il provvedimento, entrato in vigore a maggio del 2018, prevede sanzioni per le violazioni alle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011 stabilendo, a tutela del consumatore, le modalità di indicazione obbligatoria degli allergeni.

Le disposizioni normative si sono rese indispensabili per tutelare la salute dei consumatori e allo stesso tempo fornire delle linee guida per il marketing dei prodotti alimentari.

I servizi delle agenzie di traduzione nel marketing alimentare

traduzioni professionali industria alimentare

L’industria alimentare ha un forte impatto sulla salute dei cittadini e questo implica, come abbiamo visto finora, la necessità di utilizzare specifici registri linguistici e regole comunicative. Nel momento in cui un prodotto viene immesso su differenti mercati nazionali, si rivela necessario adottare i giusti glossari terminologici per la descrizione degli ingredienti, degli allergeni e delle eventuali intolleranze a essi associate.

Per questo motivo le aziende del settore alimentare hanno bisogno di affidarsi ad agenzie di traduzione professionali come Intrawelt in grado di gestire le variabili linguistiche e terminologiche che si presentano nei differenti mercati di destinazione.

Grazie al supporto delle tecnologie di gestione della terminologia è possibile costruire glossari dedicati e specifici per ciascun cliente. In questo modo la comunicazione commerciale dei prodotti viene gestita in modo armonico in una molteplicità di lingue di destinazione, evitando errori terminologici che potrebbero rivelarsi pericolosi per la salute del consumatore.

Affidarsi ad agenzie di traduzione altamente specializzate è il modo migliore per assicurare il rispetto delle normative internazionali sull’utilizzo dei corretti registri linguistici e allo stesso tempo mantenere un elevato standard qualitativo in termini di efficacia della comunicazione commerciale.

Restando in tema di strategie commerciali, ci si affida a un’agenzia di traduzione come Intrawelt ha il vantaggio di poter usufruire del supporto offerto nella localizzazione dei prodotti alimentari. In alcuni casi, ad esempio, abbiamo gestito progetti di consulenza strategica per la scelta del nome dei prodotti da lanciare nei differenti mercati stranieri. Grazie al supporto dei linguisti madrelingua, infatti, siamo in grado di fornire informazioni strategiche sulle dinamiche sociali e culturali che influiscono nelle scelte d’acquisto delle popolazioni target e definire quindi la migliore strategia linguistica e comunicativa per la scelta del nome dei prodotti o la traduzione delle ricette.

I linguisti utilizzati da Intrawelt, infatti, oltre a essere professionisti madrelingua selezionati nel rispetto della normativa ISO 17100, sono esperti settoriali in grado di unire le competenze linguistiche a quelle del settore industriale di competenza.

Nel settore Food & Beverage gestiamo continuamente progetti di traduzione che spaziano dalla localizzazione dei siti web alla traduzione del packaging dei prodotti, passando per articoli di blog di settore e traduzioni tecniche delle etichette. In ogni caso, i nostri clienti sono affiancati da project manager specializzati, in grado di assicurare un servizio che possa garantire allo stesso tempo efficacia e alta qualità, nel rispetto dei tempi di consegna previsti.

È importante non sottovalutare l’importanza della comunicazione alimentare, per questo vi invitiamo a contattarci per avere un preventivo e maggiori dettagli sui nostri processi di traduzione professionale.

intelligenza artificiale marketing

Artificial Intelligence Marketing: gli strumenti per l’innovazione d’impresa

Secondo uno studio condotto da Pwc su 2.500 consumatori americani più della metà di loro concorda sul fatto che l’intelligenza artificiale aiuterà a risolvere i problemi complessi che attanagliano le società moderne (63%) e migliorerà la qualità della vita delle persone (59%). Dall’altro lato, però, poco meno della metà degli intervistati è preoccupata delle ripercussioni occupazionali derivanti dall’introduzione di tecnologie intelligenti all’interno del sistema produttivo (46%).

Quando si parla di intelligenza artificiale spesso capita di adottare un punto di vista macroscopico, quasi sociologico, sulle trasformazioni sociali, economiche, sui progressi della scienza e sul futuro dell’industria e del lavoro. In questo articolo, invece, il concetto di Artificial Intelligence verrà declinato negli strumenti pratici ad oggi presenti sul mercato e con i quali le aziende devono iniziare a familiarizzare. Osserviamo ora più da vicino il rapporto tra intelligenza artificiale e marketing aziendale.

artificial intelligence marketing

 

La rivoluzione nel marketing

Nella molteplicità di settori nei quali l’intelligenza artificiale può trovare applicazione, il marketing è senza dubbio quello in cui la rivoluzione tecnologica ha raggiunto livelli molto alti di complessità. Sfruttando le potenzialità fornite dai Big Data e dalle soluzioni avanzate nell’analytics, le imprese AI oriented possono raggiungere sofisticati livelli di clusterizzazione del loro target.

Nel concreto, parlare di Artificial Intelligence Marketing significa fare i conti con sistemi complessi in grado di affinare la targhettizzazione dei potenziali lead, di anticipare bisogni e comportamenti dei consumatori e costruire relazioni commerciali di successo. Di seguito vogliamo offrire degli spunti sulle principali tecnologie AI in grado di portare reali vantaggi alle aziende.

 

Creare e generare contenuti

Sebbene le attuali tecnologie non siano in grado di produrre contenuti complessi come articoli scientifici o esprimere opinioni possono tuttavia creare contenuti efficaci per attrarre visitatori sui siti Web. Alcuni tra i più grandi colossi della stampa come Forbes e APTN utilizzano piattaforme intelligenti per la creazione di contenuti editoriali. CBS, New York Times, CNN stanno implementando sistemi di intelligenza artificiale e centinaia di contenuti del Washington Post sono creati tramite tecnologia Heliograph.

Piattaforme

Wordsmith, Articoolo, Quill

 

E-mail Marketing

Le aziende che utilizzano gli strumenti messi a disposizione dall’intelligenza artificiale nel campo dell’e-mail marketing riescono a creare contenuti personalizzati sulla base dei comportamenti degli utenti. I sistemi di machine learning possono analizzare migliaia di dati sui consumatori per determinare, ad esempio, l’orario migliore in cui inviare le e-mail, i contenuti che catturano maggiormente l’attenzione, la frequenza di invio raccomandata e l’oggetto della mail più performante.

Piattaforme

Persado, Phrasee

 

Ricerche vocali

Il sistema di ricerca delle informazioni online sta cambiando grazie all’introduzione delle tecnologie di ricerca vocale. I motori di ricerca hanno attualmente implementato sistemi di riconoscimento vocale sempre più sofisticati e gli utenti finali sono sempre più propensi ad utilizzare il sistema di vocal search al posto della tradizionale digitazione delle parole chiave. La differenza che intercorre tra la ricerca vocale e quella tramite tastiera influisce sulle diverse espressioni e parole chiave utilizzate, per questo motivo i responsabili marketing devono pensare i contenuti online in una chiave Seo totalmente diversa.

Piattaforme

Siri, Google Assistant, Cortana

 

Analisi predittive

Le analisi predittive sono l’insieme di tecniche statistiche basate su algoritmi in grado di analizzare dati strutturati e non e di identificare la probabilità di realizzazione di eventi futuri sulla base dei dati stessi. I modelli predittivi sono particolarmente importanti in ambito sanitario, nel momento in cui si possono prevedere eventuali manifestazioni di future patologie utilizzando analisi attuali, come in ambito marketing per studiare futuri trend e propensioni al consumo. Con gli strumenti di machine learning predittivi, i responsabili marketing possono prevedere con largo anticipo l’andamento di acquisizione di nuovi clienti e attuare così strategie di marketing proattive e non più reattive.

Piattaforme

Everstring, Infer, Radius
intelligenza artificial artificial intelligence

 

Le risorse umane ancora protagoniste

Trattando di marketing e di creazione di contenuti abbiamo finora omesso quella che è ancora oggi la componente fondamentale in grado di sfruttare al meglio le innovazioni tecnologiche: l’uomo.

Infatti, sebbene i sistemi di A.I. riescano a compiere azioni che l’essere umano non può imitare, allo stesso tempo il contributo delle risorse individuali è ancora centrale nel processo di comunicazione.
I sistemi di e-mail marketing, la scrittura di contenuti, le tecniche di indicizzazione SEO vedono ancora nelle parole e nella comunicazione l’elemento essenziale. Comunicare globalmente significa costruire una narrazione diversificata, posizionarsi sui motori di ricerca differenziando stili linguistici e parole chiave a seconda del target di riferimento e della sua provenienza.

In questo campo, l’intelligenza artificiale non ha raggiunto prestazioni eccellenti. I sistemi di machine translation senza una guida umana sono ancora troppo imprecisi per essere utilizzati nel campo della comunicazione professionale. Intrawelt sta sviluppando diversi progetti nel campo delle tecnologie della traduzione avanzata, ma ad oggi sono ancora i traduttori e i project manager il vero valore aggiunto che permette di erogare servizi linguistici e comunicativi di alta qualità nel settore del marketing come in quello della finanza, del farmaceutico e nella produzione industriale.

 

Contattaci al seguente form per chiedere informazioni sui nostri servizi.
Seguici su Facebook, LinkedIn, Twitter e Instagram

Vuoi restare aggiornato sui nostri contenuti editoriali? Iscriviti alla Newsletter di Intrawelt!